Hockeyclub Val Pusteria

Diventa fan!

HCP on Facebook

HCP on Twitter

HCP on Instagram

HC Pustertal - Asiago Hockey | 2:0 (0:0, 1:0, 1:0)

HC Pustertal
 
Asiago Hockey

THU | 04.02.2020 - 20:00
Bruneck Rienzstadion Brunico

Buona la prima! I Lupi battono l'Asiago alla prima di Finale

Dopo un confronto dal grande pathos, come solo una Finale Scudetto playoff può creare, il Val Pusteria si aggiudica il primo match della serie contro l’Asiago per 2:0. Un’altra solida prova per Armin Helfer e compagni e soprattutto in questi playoff della Serie A, il Lungo Rienza di Brunico è diventato un fortino inespugnabile grazie alle prestazioni di Colin Furlong. L’estremo dei Lupi è stato autentico protagonista ed ha conquistato il suo terzo shutout consecutivo in casa tra semifinali (contro il Cortina) ed in questo esordio di  Finale Scudetto. Ora tutta la pressione passa sull’Asiago che dovrà assolutamente vincere Gara 2, all’Odegar, venerdì, per allungare la serie alla decisiva Gara 3 (eventualmente sabato a Brunico).
Inizia la finale playoff, al meglio delle tre gare, per assegnare lo Scudetto (86esima edizione). I padroni di casa possono contare su Davide Conci a cui è stata revocata la squalifica presa nella semifinale contro il Cortina mentre sono fuori per turnover David Laner e Matthias Brighenti. L’Asiago si presenta in Val Pusteria senza gli infortunati Matteo Tessari e Gianluca Vallini. 

La gara è subito giocata ad alti ritmi, come ci si aspetta per una finale Scudetto. Non manca nulla per scaldare sia i tanti tifosi del Brunico (1700 spettatori)e la nutrita rappresentanza giallorossa. Gioco fisico ma corretto e tanti continui capovolgimenti di fronte.  Il primo powerplay esalta il gioco degli ospiti ma un Furlong molto concentrato non lascia dischi giocabili agli avversari. Il match scorre sui binari dell’equilibrio. Il Brunico, però, e questa sarà un’arma per i gialloneri, riesce a scattare in contropiede con maggiore frequenza. MacArhtur si costruisce una buona occasione. L’Asiago cerca di forzare i tempi ma la difesa dei Lupi si dimostra all’altezza. Nella seconda parte di primo periodo una penalità per parte non cambia il parziale della gara e si va al primo intervallo senza reti ma con tanto spettacolo e divertimento sugli spalti nonostante la mancanza di realizzazioni.

Nel periodo centrale il Brunico inizia dal 21′ a giocare una superiorità per quattro minuti ma gli stellati non  si scompongono. Poi con il passare dei minuti i Lupi mettono più pepe allo loro manovra. L’Asiago rimane sempre pericoloso ma prima una discesa di Lewis e poi una ghiotta occasione di Helfer, dopo una grande manovra di Traversa, mandano più vicino al vantaggio i padroni di casa rispetto a quello che costruiscono i veneti. Tuttavia il goal arriva da chi non t’aspetti. Andergassen manovra un disco sulla sinistra ed apre a Leitner che poco oltre la blu si sposta e lascia partire un disco con una traiettoria impossibile che finisce per cadere proprio sotto l’incrocio e con Cloutier ostacolato nella visuale da un intenso traffico (37′). Dopo due tempi i padroni di casa in vantaggio per 1:0 ma Asiago che può recriminare per come non sia riuscito a segnare.

Nel terzo tempo i Leoni giallorossi ci mettono tutta la forza possibile. Al 44′ occasione per l’Asiago ma Furlong mura il disco tra una selva di stecche e pattini. Gli stellati provano a scardinare ma la difesa giallonera è encomiabile e supporta il suo portiere che al 54′ si supera su un tiro a botta sicura di Alex Gellert. Il terzo periodo è giocato molto veloce ed il tempo gioca contro l’Asiago. A questo punto Cloutier esce dai pali e l’ex di turno Dave McNally, a 61 secondi dalla terza sirena,  realizza il goal della sicurezza per il tripudio al Lungo Rienza. Finisce 2:0 per il Brunico ma venerdì sarà scontro titanico all’Odegar.

 

fisg.it

Flickr Photos